Questo sito contribuisce
alla audience di

Orchestrali a spasso e bacchette spezzate in azienda

Adesso che la Primavera a Roma è definitivamente sbocciata, nel mezzo delle Piazze o agli angoli delle strade la loro musica dilaga prepotentemente attraverso il brusio dei turisti, nel vociare dei commercianti del Centro, nei bisbigli dei camerieri che “buttano dentro”, all’esterno delle trattorie fra il Pantheon e Campo dei Fiori.

Li senti bene, perché quella musica non proviene da chitarre sguaiate o da fiati in sospeso, ma hanno un suono superiore che ne indica la provenienza come un grosso dito sulla testa di quelle figure: sono gli orchestrali, passati dalla buca dell’orchestra ai sampietrini, da Wagner ai calessi per turisti, dai lustrini e dai lampadari brilloccorosi allo schiaffo della luce del giorno.

Non c’è tutela alla passione, agli anni di studio investiti, ai sacrifici offerti in nome di un obbiettivo. Professionisti in coda per un concorso, poi un bando, poi un’audizione per strappare il posto da cui il suono si propaga, testimonianza di culture millenarie di tutti i Paesi del mondo. Come i maestri di scuola, certi preti e come certi dottori. Più che un mestiere, una missione.

E sembra incredibile come un Paese come il nostro non sia in grado di proteggere chi tramanda il nostro bene più prezioso: quel milione di pezzi che rappresentano un unico grande tesoro che va da Pompei ai Teatri dell’Opera, dai Musei chiusi per la maggior parte dell’anno o depredati dalle Fondazioni. Ne abbiamo viste di tutti i colori: dal Ponte Vecchio regalato alla Ferrari per poche centinaia di Euro (fra l’altro pare non siano mai stati incassati), al Ministro Giovanardi che di fronte al disastro di Pompei dichiarò che con la cultura non si mangia.

Ma se trattiamo così i professionisti dell’arte e della cultura, immaginate cosa stia succedendo nelle aziende tradizionali, dove gli orchestrali sono coloro che hanno dedicato anni alla crescita della loro azienda sacrificando nottate e vacanze, quelli che hanno perso le coincidenze all’aeroporto e quelli che hanno perso gli affetti inseguendo la carriera, quelli che hanno salvato un cliente per il rotto della cuffia  e quelli che più volte hanno tirato giù la saracinesca quando tutti erano già andati a casa. Come se fosse loro.

Dove sono finiti gli orchestrali dopo che le loro organizzazioni hanno divorato capitali, patrimoni, risorse? Che ne è stato di tutto quel lavoro, di tutta quella passione, di studio e pianificazione, di prove e di riunioni, di successi e fallimenti, di applausi e di richieste di “bis”?

[continua a leggere su Senza Filtro]

Pubblicato in Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 5 =